Uno sguardo al futuro…In questa nuova puntata sulla sicurezza parliamo di Futuro…

Quale sarà il futuro delle moto?

O meglio quali saranno le tecnologie che le nostre amate due ruote monteranno?

Anche la comunità europea sta lavorando a questo per incrementare la sicurezza alla guida. 

Lo fa con il progetto Pioneers, in collaborazione con molte case europee e italiane come Ducati, Piaggio ma anche Alpinestar e Dainese.

Il mondo delle moto, lo si sa, è indietro anni luce rispetto a quello delle auto; infatti spesso molte tecnologie derivano proprio da questo mercato.

Sicuramente quindi vedremo sulle moto future le tecnologie delle auto di oggi.

Vediamo qualche possibile tecnologia che le moto dei prossimi anni potrebbero montare….

 

Frenata di emergenza

 

L’acronimo che probabilmente troveremo tra non molto sulle moto è: AEB (Autonomous Emergency Braking).

Questa tecnologia assiste il pilota in caso di frenata di emergenza; quindi nel caso rilevi una situazione di pericolo.

Funziona sia quando la moto è dritta sia quando è in piega.

Si attiva senza rischi tra i 500 e i 600 millisecondi, a seconda della velocità a cui va la moto. 

I sistemi più evoluti sono capaci di individuare bambini, ciclisti e animali.

Nel caso in cui non ci sia impatto la frenata si disattiva immediatamente .

ECall

Questa tecnologia deriva dal mondo delle 4 ruote.

BMW lo ha già equipaggiato su alcuni modelli.

Consente di attivare la chiamata di soccorso sia automaticamente (in caso di infortunio) sia in modo volontario (in caso di guasto meccanico).

Funziona attraverso un GPS in grado di geolocalizzare la moto e inviare i soccorsi sul posto.

Connected Horizon

Un sistema in grado di indicare al pilota la distanza fino alla prossima curva e la giusta velocità per affrontarla.

Un algoritmo quindi si adatta alla velocità di guida, all’inclinazione della moto e all’uso dell’acceleratore.

Tali messaggi vengono ascoltati tramite auricolari inseriti nel casco.

Ma le tecnologie allo studio sono tantissime.

Esiste l’Head up display (realizzato da Bmw e già in fase di sperimentazione) è un casco che proietta sulla visiera le informazioni di guida e le indicazioni stradali.

Ci sono già in commercio dispositivi in grado di mostrare le chiamate in entrata, le informazioni di navigazione e in grado anche di registrare video.

 

Un altro dispositivo che è in evoluzione è l’airbag

Come abbiamo già detto in un precedente articolo è un prodotto non ancora diffuso tra i motociclisti ma nonostante questo è già in evoluzione.

Al momento infatti protegge soltanto la spina dorsale ma si stanno studiando modelli capaci di proteggere il collo e le gambe.

Addirittura sono allo studio dei dispositivi in grado di prevenire le conseguenze dell’impatto tra bacino e serbatoio che già in un impatto a 20 km/h, possono essere gravi. 

Le centraline…

Ovviamente le centraline già oggi sono molto tecnologiche ma anche queste sono in continua evoluzione.

In futuro sarà la centralina stessa della moto (assieme alla piattaforma inerziale) a stabilire con quali modalità far detonare l’airbag delle persone che si trovano a bordo, sulla base della dinamica dell’impatto o della scivolata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

×